PRIMA DELLA LIBERTA’

Category : Eventi, Notizie, Senza categoria

24204958_10210508305719350_1158858079_n

24205015_10210508309919455_1705209443_n

24252040_10210508310119460_253018204_n

24252213_10210508305319340_1823034790_n

24257509_10210508305599347_1571907373_n

24337514_10210508310319465_1126538510_n

Mercoledì 29 novembre è stato presentato in anteprima il cortometraggio del giovane socio Pietro Ferrandi dal titolo “PRIMA DELLA LIBERTA'”.Un cortometraggio amatoriale di fantasia che narra le sofferenze e le speranze di chi ha vissuto la guerra e di chi ha combattuto per la libertà. In particolare il dramma nel 1944 di due partigiani in fuga dai tedeschi e che trovano rifugio presso una famiglia nell’Appennino piacentinoRegia: Pietro FerrandiAttori: Sara Nassani, Marco Zanini, Edoardo Pivoni, Francesco Galli, Pietro Ferrandi, Valentina Villacci, Nicole Amabile
Un cortometraggio amatoriale di fantasia che narra le sofferenze e le speranze di chi ha vissuto la guerra e di chi ha combattuto per la libertà. In particolare il dramma nel 1944 di due partigiani in fuga dai tedeschi e che trovano rifugio presso una famiglia nell’Appennino piacentino.

Regia: Pietro Ferrandi
Attori: Sara Nassani, Marco Zanini, Edoardo Pivoni, Francesco Galli, Pietro Ferrandi, Valentina Villacci, Nicole Amabile

Il commento del regista alla serata:

“La serata è stata un incontro aperto a tutti, soci e non, e come oggetto aveva la proiezione di questo cortometraggio sulla Resistenza con me, Pietro Ferrandi, come regista socio. Ho dato il benvenuto a tutti, ho presentato me e gli attori, ho introdotto il corto ed ho ringraziato il Cineclub, il museo della Resistenza piacentina, gli attori e il pubblico, senza i quali nulla di tutto ciò sarebbe stato possibile. Ho poi fatto una riflessione su quanto sia importante tenere alti i valori e la memoria della Resistenza, soprattutto in questo periodo. Ho inoltre aggiunto che io sono molto legato a questo tema in quanto il fratello di mio nonno è morto da partigiano nell’eccidio del Passo dei Guselli.”